Camminare per “Vivere”, l’impresa del volontario Claudio Stucchi per chi soffre

Date:

Claudio Stucchi, volontario di “Vivere Aiutando a Vivere”, un’associazione brianzola che si occupa di malati terminali, percorrerà, l’intera penisola, partendo proprio dalla Valle d’Aosta, lungo l’antico tracciato della Via Francigena, per ritrovare se stesso e per raccogliere fondi per chi soffre.

Il suo nome è Claudio Stucchi, ama la montagna e aiutare gli altri. Lunedì 30 agosto partirà dal Gran San Bernardo (2.473 metri s.l.m.) per un’impresa di solidarietà: percorrere tutto il tracciato italiano della via Francigena, dalla valle d’Aosta alla Puglia per raccogliere fondi destinati ad un’associazione di Volontariato che opera nel vimercatese, in Brianza, in favore delle Cure Palliative. Duemila chilometri lungo sentieri di montagna, mulattiere, strade più o meno battute, passando attraverso i paesaggi meravigliosi della nostra Penisola. Per una settimana sarà proprio la Valle d’Aosta ad accoglierlo tra i suoi meravigliosi paesaggi e le sue montagne.

Stucchi con questa impresa aiuterà l’Associazione a raccogliere i fondi per un progetto di solidarietà: l’acquisto di un nuovo furgone destinato al trasporto di presidi medici al domicilio di persone in fase avanzata di malattia.

L’associazione, che opera da oltre venticinque anni nel territorio del Vimercatese, in provincia di Monza e Brianza, e che ha sede ad Usmate Velate (MB), ha lo scopo di aiutare a lenire le sofferenze fisiche di chi soffre nell’ultimo stadio della vita e che deve ricorrere alle cure palliative. Le attività dei volontari vanno dall’assistenza psicologica e al sollievo a familiari e pazienti al trasporto di presidi medici presso il domicilio dei pazienti (letti, materassi anti-decubito, carrozzine, comode, etc.), fino alla realizzazione di manufatti che servono per le raccolte di fondi da destinare alle attività di cure palliative attuate da medici e infermieri.

L’impresa durerà circa quattro mesi, tra settembre e dicembre 2021, e consisterà nel percorrere la via Francigena dal Gran san Bernardo fino a Santa Maria di Leuca, portando sul proprio zaino il logo dell’associazione e diffondendo in tutta Italia lo spirito delle cure palliative domiciliari.

La nuova raccolta fondi servirà, appunto, all’acquisto di un furgone e chiediamo l’aiuto di chiunque comprenda la necessità che alleviare il dolore di chi è arrivato alla fine possa costituire un atto di umanità. Chi vuole contribuire, può effettuare una donazione usando il sito “GoFundMe”, reperibile a questo link: https://gofund.me/b8305d21

Per ulteriori informazioni:
Tel. 039.6829493 (Sede dell’Associazione)
Cell. 335.8065404 (Maria Grazia Nava)
vaav.org

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related