La Valle d’Aosta si tinge di Rosa

Date:

La Valle d’Aosta, Regione Europea dello Sport per il 2023, il prossimo 19 maggio accoglierà la 13a tappa del Giro d’Italia. La Corsa Rosa quella mattina partirà da Borgofranco d’Ivrea per arrivare a Crans-Montana, in Svizzera, attraversando il territorio valdostano e transitando dal Colle del Gran San Bernardo, che diventa così la mitica Cima Coppi, ovvero il punto più in alto, per quota, raggiunto dai ciclisti in ogni edizione del Giro.

Un tracciato totale di 207 chilometri, che presenta una classica configurazione alpina: un avvicinamento pianeggiante, seguito da una serie di salite molto lunghe, intervallate da brevi tratti piatti, per salire fino ai 2.469 metri del Colle del Gran San Bernardo. Un’emozione, parliamo solo del tragitto che interesserà il Colle, lunga 34 chilometri.

Il valico del Gran San Bernardo è, storicamente, uno dei passaggi più importanti delle Alpi. Lo era già ai tempi dell’antica Roma e lo è stato soprattutto nel Medioevo, quando San Bernardo di Mentone fondò il celebre Ospizio, dove ancora oggi vengono accolti i viaggiatori e i pellegrini, che percorrono la Via Francigena. I canonici allevavano quelli che sono diventati i famosi cani San Bernardo, preziosi ausiliari nelle missioni di salvataggio in alta montagna. Oggi è ancora possibile ammirare i celebri cani e visitare il piccolo museo, che racconta la storia del Passo, dai culti dell’antichità fino all’ospitalità dei giorni nostri.

La strada che sale al Colle, da cui passò anche Napoleone Bonaparte, nel maggio 1800, durante la seconda Campagna d’Italia, è solitamente aperta dalla tarda primavera (apertura anticipata in occasione della corsa) fino all’inizio dell’autunno ed è particolarmente apprezzata da ciclisti e motociclisti.

La 13a tappa del Giro d’Italia 2023 in Valle d’Aosta sfilerà lungo le località di Pont-Saint-Martin, Donnas, Bard, Verrès, Saint-Vincent e Nus nella Valle Centrale, per poi attraversare Etroubles e Saint-Rhémy-en-Bosses nel territorio più propriamente alpino del tracciato. Un evento di grande richiamo internazionale, che è anche un’occasione per conoscere località, valli e particolarità della regione più piccola d’Italia.

Point-Saint-Martin è il primo comune che si incontra in Valle d’Aosta, arrivando dal Piemonte. Deve il suo nome allo spettacolare ponte a campata unica, costruito dai Romani nel I secolo a.C. Qui sorge anche il museo del Ponte Romano, che invita a scoprire questa maestosa costruzione di pietra, unica in Europa. Pont-Saint-Martin è, inoltre, una delle tappe del Cammino Balteo – il percorso che coniuga escursionismo slow e cultura, lungo 350 chilometri di circuito ad anello percorribile in entrambi i sensi – ed è il punto di imbocco della Valle di Gressoney, che porta a uno dei versanti del Monte Rosa.

La Carovana Rosa transiterà poi da Donnas, culla del primo vino DOC della Valle d’Aosta e luogo dove la strada romana delle Gallie offre uno dei suoi punti più spettacolari, intagliata nella roccia e impreziosita da un arco scolpito nella pietra viva. 

Proseguendo, dopo il passaggio al cospetto del monumentale Forte di Bard, si raggiunge Verrès, all’imbocco della Val d’Ayas, dominata dall’omonimo castello, spettacolare maniero degli Challant. In una zona sopraelevata e molto panoramica si trova anche l’Arboretum La Borna di Laou (la tana del lupo nel patois del luogo), ricco di piante e arbusti di varie specie e raggiungibile a piedi. A ridosso del centro storico parte la strada che porta a Challand-Saint-Victor, Challand-Saint-Anselme, Brusson, Antagnod e Champoluc, con vista sull’imponente massiccio del Monte Rosa.

La carovana rosa prosegue passando per Saint-Vincent, detta la “Riviera delle Alpi” per il suo clima sempre mite e nota per le sue terme curative e il Casinò, che da sempre hanno reso la località particolarmente apprezzata dall’aristocrazia e dal jet-set anche internazionale.

Il Giro attraversa poi – nome di derivazione romana da “ad nonum (ab Augusta) lapidem”, che indicava la distanza in miglia romane, nove, dall’Augusta Praetoria (Aosta) – villaggio alla base della incontaminata valle di Saint-Barthélemy, dove visitare l’Osservatorio Astronomico della Regione Valle d’Aosta, che offre laboratori e visite adatte anche ai bambini.

Superato il capoluogo di Aosta e imboccando la valle del Gran San Bernardo, si arriva a Etroubles, un borgo alpino medievale di straordinaria bellezza a 1270 metri, in epoca romana tappa sulla Via delle Gallie e, successivamente, sulla Via Francigena. Etroubles è un museo a cielo aperto, tra opere d’arte contemporanea, splendidi fontanili e antiche abitazioni in pietra con tetti in lose, tanto da essere stato annoverato tra i Borghi Più Belli d’Italia. Per gli amanti del trekking, questo è anche un ottimo punto di partenza per facili escursioni, lunghe traversate nella natura incontaminata, tappe della Via Francigena, o ancora itinerari di più giorni, come il Tour du Mont Fallère, spettacolare giro ad anello con vista sui principali 4.000.

Salendo ancora, poco prima del confine con la Svizzera, si arriva a Saint-Rhémy-en-Bosses, situato a poco più di 1600 metri, noto per il pregiato prosciutto, lo Jambon de Bosses, una dellequattro imperdibili specialità della Regione Valle d’Aosta, che hanno ottenuto il marchio di qualità DOP (da visitare il prosciuttificio De Bosses, nato per la valorizzazione e diffusione di questa eccellenza). Per i biker da Saint-Rhémy-en-Bosses partono numerosi itinerari in MTB, così come emozionanti trekking, alcuni dei quali davvero sfidanti.

Il Giro d’Italia a maggio sarà il primo grande evento sportivo di rilevanza internazionale che la Regione ospiterà nel corso del 2023. Seguiranno, poi, il TorX, l’endurance trail più affascinante al mondo lungo i sentieri delle due Alte Vie della Valle d’Aosta, con inizio e fine a Courmayeur, a settembre; la Coppa del Mondo di sci alpino Cervino Matterhorn speed opening, a novembre e la Coppa del Mondo di Snowboad cross, sempre a Cervinia, a dicembre.

Per prenotare un soggiorno in Valle d’Aosta, il portale Booking Valle d’Aosta, gestito direttamente dall’Ufficio regionale del Turismo, offre un servizio gratuito, con la possibilità di selezionare in base ai propri desiderata: tipologia di struttura ricettiva, comprensorio, esperienza preferita.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

“Genoa vs Lazio: sfida cruciale per la Serie A”

Il Genoa affronterà la Lazio in una partita cruciale...

“Grande attesa per il match Cagliari-Juventus: emozioni e spettacolo in campo”

Il match atteso tra Cagliari e Juventus si terrà...

“La Juventus di Allegri sfida il Cagliari: determinante l’approccio mentale e tattico”

Il match in arrivo riveste un'importanza cruciale, poicheeacute; è...

Il sogno azzurro: l’ascesa verso la Nazionale attraverso sacrifici e determinazione

La Nazionale rappresenta senza dubbio il culmine della carriera...